Affitti e sistemazioni con Airbnb

Airbnb è uno dei principali siti di affitto fra privati. Fondato nel 2008 a San Francisco da Brian Cheski e Joe Gebbia, è uno dei grandi protagonisti del consumo di collaborazione.

Chiunque può aggiungere gratuitamente il proprio alloggio su Airbnb ed affittarlo a dei turisti del mondo intero attraverso l’interfaccia. Airbnb prende una commissione su ogni transazione (12% a carico dell’inquilino + 3% a carico del proprietario) e si occupa di mettere in relazione le due parti ponendosi come terzo protagonista garante fra il turista e colui che propone l’alloggio.

Questo sistema di pagamento « on line » ha facilitato le transazioni per quanto rigiarda l’affitto di breve durata nelle più grandi città del mondo, perché ha semplificato la prenotazione per l’inquilino e la gestione delle prenotazioni per il proprietario. In questo modo, un gran numero di utilizzatori del sito propone l’affitto di una camera del proprio appartamento e della propria residenza principale durante le vacanze e questo concetto si è imposto al di là dei tradizionali affitti vacanze, rivoluzionando il mercato degli affitti vacanze. Airbnb propone ogni tipo di affitto : una camera presso l’abitante, una camera di ospite in famiglia, uno monolocale, un appartamento, una casa, una villa, uno chalet e perfino dei castelli! Più di 25.000 turisti hanno già consultato e prenotato con Airbnb ed in più di 190 paesi del mondo!

Airbnb ha recentemente aperto la concorrenza con i siti di affitti vacanze ben noti in Italia come Homeaway, Homelidays, MediaVacanze o CasaVacanza ed è attualmente attivamente in concorrenza con le nuove parti di mercato del tipo Widmu, Housetrip o Roomorama.

Le condizioni di annullamento prenotazione di Airbnb variano e dipendono dalla scelta del proprietario che può selezionare le varie condizioni. Attenzione, è consigliabile prendere nota del fatto che iI costo di servizio Airbnb (che si situano generalmente sul 12% dell’ammontare dell’affitto) non sono MAI rimborsabili.